Anno accademico 2007/2008 - lauree specialistiche

[ELENCO COMPLETO]
  1. Fisica teorica 1.
  2. Fisica teorica 2.
  3. Geometria superiore 1.
  4. Intelligenza artificiale 2.
  5. Istituzioni di algebra superiore 1.
  6. Istituzioni di analisi superiore 1.
  7. Istituzioni di fisica matematica 1.
  8. Istituzioni di fisica matematica 2.
  9. Istituzioni di geometria superiore 1.
  10. Istituzioni di geometria superiore 2.
  11. Limnologia fisica.
  12. Logica matematica.
  13. Matematiche complementari 1.
  14. Matematiche complementari 2.
  15. Meccanica statistica.
  16. Metodi della fisica teorica.
  17. Metodi di approssimazione.

20. Istituzioni di geometria superiore 1

prof. Bruno Bigolin


OBIETTIVO DEL CORSO

Le finalità del corso sono, da un lato, proporre agli allievi di Matematica e anche agli allievi
di Fisica e Informatica l’esempio di un pensiero di matematica che poggi su pochi concetti
semplici e si sviluppi in modo autonomo; dall’altro offrire con tempestività agli allievi gli
strumenti che consentono, in collegamento con i corsi paralleli di Analisi, una più esatta
valutazione dei metodi che, contemporaneamente, va fornendo loro la fisica, anche nei
suoi sviluppi più moderni.



PROGRAMMA DEL CORSO

Seconda parte di: elementi di Calcolo vettoriale e tensoriale su varietà differenziabili, con
particolare riferimento alle curve e superfici dello spazio ordinario; prime proprietà locali
delle varietà differenziabili e dei sistemi di Pfaff definiti su di esse.

BIBLIOGRAFIA
a. lichneroWicz, Éléments de Calcul tensoriel.
h. hopf, Differential Geometry in the large.

DIDATTICA DEL CORSO
Lezioni in aula.

METODO DI VALUTAZIONE
Esami orali.

AVVERTENZE
Il Prof. Bruno Bigolin riceve gli studenti nel suo studio, in orari da concordarsi con gli stessi
studenti.



[ Facoltà di Scienze ]