Anno accademico 2007/2008 - lauree specialistiche

[ELENCO COMPLETO]
  1. Metodi sperimentali della fisica moderna 2.
  2. Micrometeorologia.
  3. Relatività.
  4. Spettroscopia.
  5. Storia delle matematiche 1.
  6. Storia delle matematiche 2.
  7. Struttura della materia 1.
  8. Struttura della materia 2.
  9. Tecniche fisiche per la diagnostica biomedica.
  10. Teoria della misura.

38. Tecniche fisiche per la diagnostica biomedica

prof. Flaviano Corrado


OBIETTIVO DEL CORSO

– Conoscere i principi fisici alla base del funzionamento delle principali apparecchiature
per la diagnostica biomedica, con particolare attenzione alle caratteristiche dei sensori
e dei rivelatori impiegati.
– Analizzare la qualità dell’immagine e la sua parametrizzazione.
– Conoscere le linee di sviluppo dell’imaging diagnostico, sia dal punto di vista delle
tecniche di acquisizione, sia da quello relativo all’elaborazione delle immagini.

PROGRAMMA DEL CORSO

1) Proprietà generali dei rivelatori di radiazioni ionizzanti: efficienza di conteggio, risoluzione
energetica, risoluzione spaziale, risoluzione temporale, tempo morto.
2) Rivelatori a gas: camera a ionizzazione, contatore proporzionale, contatore Geiger-
Muller.
3) Rivelatori a scintillazione.
4) Rivelatori a semiconduttore.
5) Analisi e parametrizzazione della qualità dell’immagine nella diagnostica medica: MTF,
spettro di Wiener, rapporto segnale-rumore, DQE, NEQ.
6) Radiodiagnostica a raggi X: sorgenti, recettori convenzionali, recettori digitali, tomografia
computerizzata.
7) Diagnostica a risonanza magnetica nucleare: principi fisici di RMN, componenti di
un tomografo RMN, Imaging a RMN, spettroscopia RMN.
8) Tecniche diagnostiche di medicina nucleare: caratteristiche fisiche dei radionuclidi
impiegati, produzione dei radionuclidi, ciclotrone, gammacamere, tomografia a
emissione di fotone singolo (SPECT), tomografia a emissione di positroni (PET).
9) Tecniche di integrazione e registrazione di immagini multimodali.
10) Ultrasuoni in radiodiagnostica.
11) Analisi spettrometriche su campioni biologici.
12) Diagnosi in vitro con radioisotopi.

BIBLIOGRAFIA
glenn f. Knoll, Radiation, Detection and Measurement, 3rd Edition, John Wiley & Sons, New York USA,
2000.
Waldemar scharf, Biomedical Accelerators, American Institute of Physics Press, Melville NY USA, 1994.
Jacob beutel - harold l. Kundel - richard l. van metter editors, Handbook of Medical Imaging, Vol. 1:
Physics and Psychophysics, SPIE Press, Bellingham, Washington USA, 2000.
mario marengo, La fisica in medicina nucleare, Patron Editore, Bologna, 2001.
Indicazioni da parte del docente




DIDATTICA DEL CORSO
Lezioni in aula.

METODO DI VALUTAZIONE
Esame orale.

AVVERTENZE
Il Prof. Corrado riceve gli studenti dopo l’orario di lezione o in altro orario previo appuntamento
(0303995352).



[ Facoltà di Scienze ]