Anno accademico 2007/2008 - lauree triennali

[ELENCO COMPLETO]
  1. Analisi numerica 1 e 2 (parte di analisi numerica 2).
  2. Analisi numerica 3.
  3. Approfondimenti di algebra.
  4. Approfondimenti di analisi matematica 1.
  5. Approfondimenti di analisi matematica 2.
  6. Approfondimenti di geometria 1.
  7. Approfondimenti di geometria 2.
  8. Approfondimenti di meccanica analitica.
  9. Architettura degli elaboratori.
  10. Basi di dati.
  11. Biologia.
  12. Chimica.
  13. Chimica organica e biochimica.
  14. Complementi di analisi matematica.
  15. Complementi di geometria.
  16. Dinamica dei fluidi.
  17. Dinamica dei sistemi di particelle.

17. Architettura degli elaboratori

prof. Paolo Gerardini


OBIETTIVO DEL CORSO

Il Corso è stato interpretato come l’opportunità per dare i fondamenti di una cultura
sistemistica tecnico-scientifica agli studenti.
Attraverso il modello a stack, obiettivo del corso sarà rendere gli studenti consapevoli dei
tre seguenti fatti:
- un calcolatore elettronico è basato sull’applicazione di circuiti elettronici alla matematica
booleana;
- partendo dal livello logico digitale il sistema elaborativo è costituito da una pila di
macchine virtuali appoggiate una sull’altra;
- quindi il livello programma si basa comunque sull’utilizzo di risorse fisiche, da cui la
centralità per un sistemista, e la necessità di consapevolezza per un analista, delle tematiche
di dimensionamento delle risorse.
L’obiettivo sarà perseguito compiendo una panoramica dei livelli componenti dell’architettura
delle macchine elaborative, su una catalogazione dei sistemi oggi di riferimento sia elaborativi,
sia periferiche, che personal devices. L’approfondimento scientifico verterà maggiormente
sul livello logico digitale, e sul livello microarchitettura.

PROGRAMMA DEL CORSO

-   Introduzione.
-   Cenni al concetto di sistema.
-   Evoluzione dei calcolatori, dai calcolatori analogici al silicio.
-   Cenni ai fondamenti di elettronica dei semiconduttori.
-   I numeri binari.
-   Esempi di modelli di analisi strutturata a stack.
-   Struttura dei sistemi elaborativi.
-   Processori.
-   La memoria Principale.
-   La memoria secondaria.
-   Input/Output.
-   Il livello logico digitale.
-   Porte logiche e algebra booleana.
-   Circuiti logici digitali di base.
-   Memoria.
-   Chip CPU e bus.
-   Esempi industriali di CPU e bus.
-   Interfacce.
-   Cenni al livello Microarchitettura.
-   Il data path.


-   Microistruzioni.
-   Controllo delle microistruzioni.
-   Dispositivi innovativi.
-   Cenni ai nuovi devices disponibili quali Tablet PC e Smartphone.

BIBLIOGRAFIA
andreW s. tanenbaum, Architettura dei computer, Prentice Hall /UTET Torino 2000, 4° edizione.

DIDATTICA DEL CORSO
Il corso sarà strutturato in lezioni teoriche ed esercitazioni, alcune delle quali consisteranno
anche nell’acquisire manualità e confidenza con l’hardware o con documentazione tecnica delle
macchine.

METODO DI VALUTAZIONE
L’esame consisterà in una prova scritta e in una prova orale. Durante le esercitazioni verranno
svolti dei compiti scritti che se superati saranno sostitutivi della sola prova scritta.

AVVERTENZE
Il Prof. Paolo Gerardini riceve gli studenti nel suo studio come da avviso esposto all’albo.



[ Facoltà di Scienze ]