Anno accademico 2007/2008 - lauree triennali

[ELENCO COMPLETO]
  1. Misure elettriche.
  2. Modelli matematici per l’ambiente.
  3. Ottica coerente.
  4. Progettazione di siti e applicazioni internet.
  5. Ricerca operativa 1.
  6. Ricerca operativa 2.
  7. Sicurezza dei sistemi informativi.
  8. Sistemi informativi aziendali.
  9. Sistemi informativi territoriali.
  10. Sistemi operativi 1.
  11. Sistemi operativi 2.
  12. Statistica matematica 1.
  13. Statistica matematica 2.
  14. Tecniche e strumenti di analisi dei dati.
  15. Teoria dei sistemi.
  16. Teoria delle reti 1.
  17. Teoria delle reti 2.

80. Sistemi informativi territoriali

prof. Giuseppe Triacchini


OBIETTIVO DEL CORSO

Fornire allo studente gli elementi per comprendere i principi e i metodi di base del
trattamento dell’informazione geografica quale strumento per la rappresentazione e l’analisi
degli elementi fisici dell’ambiente naturale e gli ambiti di interazione con l’uomo e le
attività antropiche per lo studio di problemi ambientali. Il corso introdurrà gli studenti
ad uno strumento di importanza fondamentale nell’attività di ricerca o nello svolgimento
della professione, trasmettendo nozioni base sul suo corretto utilizzo per l’acquisizione, il
trattamento e l’analisi dei dati territoriali, fisici e ambientali.
L’intento didattico è quello di mettere lo studente in condizioni di realizzare alcune
applicazioni di base che riprendano le finalità alle quali lo strumento deve concorrere,
ossia l’ausilio alla raccolta e organizzazione dei dati ambientali e alla loro analisi per fornire
risultati utili ai processi decisionali e all’informazione ambientale.

PROGRAMMA DEL CORSO

Programma del corso teorico (20 h)
- Introduzione generale ai sistemi informativi geografici: definizioni e caratteristiche dei
GIS, brevi cenni storici, relazioni con la cartografia, panoramica sui possibili utilizzi dei
GIS in diverse discipline
- Sistemi di coordinate e proiezioni geografiche: concetti base, datum e sistemi di riferimento
più diffusi. Sistemi utilizzati in Italia a scala nazionale e regionale.



- Il database geografico: modellazione del mondo reale e GIS, struttura di uno strato
informativo, relazioni tra geometrie ed attributi
- Principali strutture di dati e loro caratteristiche. Struttura vettoriale, struttura raster e
tecniche di conversione. Modelli digitali del terreno.
- Principali fonti di dati e tecniche di acquisizione. La cartografia di base e tematica ufficiale
italiana.
- Strumenti software e pacchetti applicativi GIS più diffusi.
- Analisi spaziale: geoprocessing, overlay, buffering, map-algebra, interpolazioni, ecc. Esempi
pratici con introduzione di un applicativo GIS.
- Cenni alle possibilità di accoppiamento GIS-Modelli ambientali: casi e applicazioni
reali.
- Cenni di telerilevamento: Basi fisiche della teoria della radiazione, firme e risposte spettrali,
principali tecniche di telerilevamento, principali satelliti e sensori

programma    delle esercitazioni   - dott. stefano oliveri (20 h)
Interfaccia del software - Creare viste e temi - Georiferire le viste al mondo reale - Visualizzare i
temi e uso delle legende - Lavorare con le tabelle - Creare ed editare gli shape file - Interrogare
ed analizzare i temi – geoprocessing - creazione dei layout e mappe.

- Materiale didattico
Appunti delle lezioni.

BIBLIOGRAFIA

g. biallo, Introduzione ai sistemi informativi geografici, Ed. MondoGIS, 2002.
t. bernhardsen, Geographic Information Systems, An Introduction, Wiley, 2002.
m. n. demers, Fundamentals of Geographic Information Systems, Wiley, 2005.
longley – goodchild – maguire - rhind, Geographic Information Systems and science, Wiley, 2002.

METODO DI VALUTAZIONE
Verifica orale e prova pratica di utilizzo di un software GIS al calcolatore.

AVVERTENZE
Gli studenti che lo posseggono dovrebbero portare un notebook per le esercitazioni. L’ideale
sarebbe avere almeno un notebook ogni due studenti.
IL prof. Giuseppe Triacchini riceve gli studenti dopo le lezioni, direttamente in aula.






[ Facoltà di Scienze ]