Anno accademico 2008/2009 - lauree triennali

[ELENCO COMPLETO]
  1. Laboratorio di elettromagnetismo.
  2. Laboratorio di elettronica.
  3. Laboratorio di fisica (1°- 2° - 3° unità).
  4. Laboratorio di fisica ambientale e terrestre.
  5. Laboratorio di fisica moderna.
  6. Laboratorio di fondamenti dell’informatica.
  7. Laboratorio di ottica.
  8. Logica e teoria degli insiemi.
  9. Matematica finanziaria.
  10. Meccanica analitica.
  11. Meccanica quantistica.
  12. Meccanica razionale.
  13. Metodi e modelli matematici per le applicazioni.
  14. Metodi matematici della fisica 1.
  15. Metodi matematici della fisica 2.
  16. Modelli matematici per l’ambiente.
  17. Ottica non lineare.

59. Matematica finanziaria

prof. Fausto Mignanego


OBIETTIVO DEL CORSO

Lo scopo del corso è quello di fornire gli elementi teorici necessari per la formalizzazione
e la soluzione di problemi finanziari e si propone di presentare e discutere i principali
strumenti matematici che hanno rilevanti applicazioni sia nella teoria della finanza che
nella pratica aziendale.

PROGRAMMA DEL CORSO

Regimi finanziari di capitalizzazione e di attualizzazione. Regime a interesse semplice,
a interesse anticipato e a interesse composto. Tassi equivalenti e convertibili. La forza
d’interesse. Condizione di scindibilità. Rendite: definizione, classificazione e valutazione.
Costituzione di un capitale. Ammortamento di prestiti indivisi, ammortamento americano,
ammortamento italiano, ammortamento francese. Criteri di scelta tra operazioni finanziarie:
il criterio del tempo di recupero, del R.E.A., del T.I.R. Generalità sui titoli obbligazionari.
Indicatori di redditività dei titoli obbligazionari. Tassi spot. Tassi forward. La struttura a
termine dei tassi d’interesse. Duration, convessità e cenni di immunizzazione.

BIBLIOGRAFIA

Testi adottati:
s. stefani - a. torriero - g.m. - zambruno, Elementi di Matematica Finanziaria e cenni di Programmazione
Lineare, Giappichelli , Torino, 2003.
g. bolamperti - g. ceccarossi, Elementi di Matematica Finanziaria e cenni di Programmazione Lineare,
esercizi, Giappichelli , Torino, 2003.
Testi consigliati:
f. cacciafesta, Lezioni di Matematica Finanziaria Classica e Moderna, G. Giappichelli, Torino,
2001.
f. m. paris - m. zuanon, Elementi di finanza matematica, CEDAM, Padova, 1999.


DIDATTICA DEL CORSO
Lezioni, esercitazioni, (materiale didattico on line, da verificare).

METODO DI VALUTAZIONE
L’esame consta di una prova scritta comprendente sia domande teoriche che esercizi numerici.
La prova orale è facoltativa per gli studenti che hanno riportato nella prova scritta una votazione
non inferiore a 18/30 mentre è obbligatoria per coloro i quali hanno conseguito una votazione pari
a 15/30, 16/30 o 17/30.

AVVERTENZE
Indicazioni dettagliate sul programma del corso, sui testi che verranno seguiti, sulle parti degli
stessi di preminente interesse ed eventuale altro materiale bibliografico saranno forniti dai docenti
nel corso delle lezioni.
Il docente riceve gli studenti come da orario consegnato in segreteria.




[ Facoltà di Scienze ]